Tradire il tradimento: divenendo fedeli a se stessi.

Tradire il tradimento: divenendo fedeli a se stessi.

Parafrasando le parole del celebre scrittore Joseph Conrad “Tradire: parola grossa. Che significa tradimento? Di un uomo si dice che ha tradito il paese, gli amici, l’innamorata. In realtà l’unica cosa che può tradire è la sua coscienza.” Alla base del tradimento potremmo dire che c’è l’aver rotto un legame. Un legame che avevamo costruito con una considerevole importanza- in quanto si tradiscono le cose importanti e non quelle marginali all’interno della nostra vita. “Se non c’è possibilità del tradimento, non c’è la possibilità dell’amore”. Amare è libera scelta ed ogni libera scelta può avere la possibilità di iniziare e di finire. E’ il luogo dell’essere che è ma anche dell’essere che non è.

 

Il quarantenne Alberto Francesco non è un delizioso uomo fedele, ma un credente “traditore”. Vive a Milano, in una famiglia dell’alta borghesia. Ha una moglie, Marisa, professionalmente affermata. Vive in un appartamento all’ultimo piano, in una traversa di via Senato, con grandi finestre luminose, un terrazzo dove le feste vengono benissimo. Un uomo di classe ben vestito e attento alle piccolezze. Alberto Francesco, approda nel mio studio in un caldo giorno di fine estate; si guarda intorno come se scrutasse ogni angolo della stanza e dopo pochi attimi di mutismo, cerca di motivare la sua inclinazione fedifraga sussurrando parole che fanno rima con <<iniziare a guardarsi intorno, infatuazione… arrivare a tradire in concreto, con donne vere, in carne ed ossa e non come tutti tramite il vigliacco mondo virtuale…>> E, mentre sorseggia lentamente un bicchiere di acqua fresca, prosegue la sua esposizione affermando <<…Marisa, quando ci siamo conosciuti non era un’altra donna. Era solo più giovane. La sua provenienza, i modi della sua famiglia, il suo mondo erano quelli. La vita ideale, l’unica conosciuta, che neppure doveva sognare, era già la sua: scuola privata, educazione impeccabile, modi da signorina. Ma dopo una manciata di anni, l’infedeltà appare un sorso di acqua fresca nell’arsura matrimoniale, una via di fuga ad un rapporto immerso nello stereotipo della famiglia borghese: dove si contraddistingueva il meglio per noi, gli amici giusti ed una ragnatela soffocante di impegni importanti e redditizi. Marisa e io… andati avanti, apparentemente sereni, ma inariditi. A tal punto che fin dai primi anni ho cercato qualcosa di alternativo, desiderando diverse donne. Quasi tutte, rispondevano alla mia mappatura ideal-amorosa, ovvero aspetto fisico, sensualità, entusiasmo, leggerezza e voglia sessuale>>. Alberto Francesco, come a chiamarsi fuori dalla storia, riprende la parola come fosse un uomo anomalo per la sua epoca: << ho costruito così un doppio legame parallelo: la moglie pubblica come destino contrassegnato e l’amante segreta per farmi girare la testa. Due donne opposte ma che riempivano due contenitori: la sicurezza e la leggerezza. Meglio bruciare che arrugginire…non crede?>>

 

Oltre il tradimento-conseguenze

I tradimenti sono conseguenza delle scelte fatte dai partner che consumano il tradimento. Non sono un prodotto della casualità della sorte. L’attento studio dedicato alle coppie afflitte da tradimento ha rivelato che, all’inizio, questi coniugi spesso sono felici e innamorati. Con il passare del tempo, però, le loro scarse abilità di gestione dei conflitti presentano il conto. Alla fine, si porta la coppia a chiudersi e a evitare del tutto di discutere i temi su cui si trovano in disaccordo. Scendendo lentamente la china della più profonda solitudine. Ed è proprio nel momento in cui si sprofonda negli abissi più desolati, che uno dei due partner scopre una nuova e bellissima fonte di vitalità: una giovane donna, dolce seducente e carina. Spinti dalla corrente, ci si tuffa a capofitto nella cascata dell’avventura per poter aderire al famoso detto <<l’erba del vicino è sempre più verde…>>.

 

L’altra faccia del tradimento

Un tradimento, usualmente, ha un forte effetto nel partner:

  • la rottura di una credenza (un legame indissolubile, “tutti tranne te”)

 

  • la perdita di fiducia ( i partner traditi soffrono spesso di disturbo post traumatico da stress, somigliando un po’ ai soldati che tornano dalla guerra-i veterani traumatizzati vivono in uno stato di massima allerta, immaginando che dietro ad ogni albero si nasconda un nemico. I coniugi traditi si comportano nello stesso modo)

 

  • un carico emotivo incombente: rabbia, dolore, panico, ottundimento.

 

 

Partner inclini al tradimento?

Contrariamente a quello che molti credono, non si tratta di immoralità o debolezza di carattere, di desiderio selvaggio o tentazione sfrenata. I tradimenti si verificano a causa di un’erosione della fiducia coniugale che ha inizio molto prima del tradimento vero e proprio. Il crollo della fiducia prende le mosse da piccole modalità tramite cui i partner si allontanano l’uno dall’altro: gli apprezzamenti vengono messi a tacere anziché essere espressi; le opinioni critiche di un coniuge hanno il sopravvento e, infine, iniziano i confronti con gli altri che gettano un’ombra di negatività sul partner.

 

Cambiare il copione: come ri-costruire la coppia

Ri-costruire una coppia dove la ferita è una crepa difficile da rimarginare è una manovra rischiosa da correre, ma se si vuol evitare di peggiorare la situazione bisogna tenere ben presente queste condizioni:

  • Evitare il paradosso: ovvero evitare di chiedere continuamente, omettere domande riguardanti dettagli tra il traditore e l’amante. Mettere un sigillo su ciò che potrebbe alimentare l’immaginazione visiva del partner tradito e aggravare le sensazioni negative;

 

  • Esprimere le emozioni: Esternando tramite la scrittura emozioni come la rabbia, il dolore, l’angoscia…Un esercizio funzionale ed estremamente difficile- è un compito arduo ascoltare le intense emozioni delle nostre ferite.

 

  • Concentrarsi sui problemi all’interno del matrimonio: Il partner tradito potrebbe alludere a momenti del passato in cui ricorda di aver detto delle cattiverie, di aver tenuto il partner lontano da sé ritirandosi in un gelido silenzio. Si manifesta così un cauto riconoscimento rispetto al fatto che ci vogliono due persone perché un matrimonio entri in crisi.

 

  • Nuovo attaccamento nella relazione: Fase in cui viene affrontato un possibile ritorno all’intimità fisica, sebbene di tanto in tanto alcuni partner traditi cerchino presto il sesso pensando che questo li aiuterà a tenere legato a sé il compagno e a non essere rifiutati. Quasi tutti i partner traditi hanno bisogno di molto tempo per ricostruire innanzitutto la propria fiducia nella relazione prima di esporsi all’estrema vulnerabilità dell’intimità sessuale. E’ importante invitare i partner a riportare il focus sulla loro relazione. Solo ora hanno la possibilità di creare il proprio mondo speciale, finemente sintonizzato su ciò che essi sono individualmente e insieme.